fbpx

Oggi vi presentiamo… Matteo Montini

La mia grande passione sono i motori e la Formula 1, per qualche tempo ho persino corso in un campionato regionale con il mio go-cart. E’ stato un periodo molto appagante, ma ho dovuto smettere e questo per me è un grande rimorso.
Se fossi un animale sarei un gattino. I gatti sono animali elastici, graziosi e che sanno stare per conto proprio, ma quando hanno necessità interagiscono con l’esterno andando a prendersi le attenzioni di cui hanno l’esigenza. Ecco, io mi sento davvero come un gatto, anche nella mia quotidianità ho la propensione a stare per conto mio, ma nel momento in cui ci sono attività di gruppo da svolgere partecipo dando tutto me stesso, dando spesso il meglio di me!
Il mio soprannome è Monto, me lo hanno affibbiato alcuni amici dalle elementari e da allora tutti mi chiamano così.
FILM: Rush di Ron Howard, lo avrò visto 20 volte!
Trovo che abbia una colonna sonora stupenda, ma la cosa che mi piace di più è il messaggio che lancia: nella vita devi rischiare, ma al primo posto ci deve sempre essere la sicurezza. Io mi ci rivedo tantissimo in questo concetto, sono una persona che conosce i propri limiti e ne sono felice.
Una cosa inaspettata di questo Master è stata l’eterogeneità della classe, trovarmi a contatto con persone che potrebbero anche essere i miei genitori mi ha fatto capire che non esiste un limite per rimettersi in gioco e che c’è sempre tempo per migliorarsi.